mercoledì 2 gennaio 2008

VaLentina


Eccoci immersi in un nuovo anno. Ho dato il benevenuto al 2008 riprendendo a correre, per sputare fuori un po' di rabbia e di paure accumulate in questi strani giorni di festa. Strani davvero questi giorni, almeno per me. Adesso mi sento come se una mano sleale avesse giocato a tombola con la mia vita, mescolando e rimescolando, disponendo a casaccio i fatti e gli appuntamenti sul cartellone della mia esistenza. Poi di nuovo, mettendo a fuoco gli eventi degli ultimi mesi, capisco che ancora una volta sono stata vittima della fretta, dell'approssimazione, del non voler aspettare che ogni cosa si decanti ed assuma un sapore più chiaro, più decifrabile, meno confuso. Allora penso che dovrei solo imparare ad aspettare, evitare di economizzare sul tempo e sulle attese, per evitare queste iperboli che mi lasciano esanime a terra. Questo mio indossare di nuovo le scarpe da tennis è simbolo di un nuovo cammino, placato questa volta e non inquinato dalla paura di non aver il tempo, di essere sempre in ritardo. Ecco la mia malattia congenita: un eterno e continuo timore di non arrivare al traguardo, di aver accumulato continui rinvii, di non riuscire ad assalire il tempo. Così oggi, in quel percorso stupendo di campagna, con gli aironi che si alzavano al mio passaggio, ho rallentato il passo, ascoltato attentamente il mio respiro e i battiti del mio cuore, ripreso fiato nei momenti di stanchezza e aggredito l'ultimo pezzo di asfalto con uno sprint finale. Per adesso però vai piano Babi, vai piano, altrimenti il cuore ti scoppia.

La tartaruga nella foto è "VaLentina" che abbiamo ospitato nel giardino della casa fiorentina di Via Mercati. Oggi la ritrovo come simbolo del mio procedere. La foto, che trovo incantevole, è di Daniela Zullo, carissima amica che ospita i suoi capolavori su Flickr. Consiglio a tutti una visita. Sono contenta di non averla perduta in anni in cui le nostre vite hanno preso strade diverse e di subire ancora il salutare contagio della sua vulcanica testolina.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

grazie barbara,
tre per aver definito la mia testolina vulcanica in modo positivo (per quanto vulcanica è proprio il termine adatto perchè fuma e bolle spesso, troppo spesso:)
due per aver definito le mie foto dei capolavori (esagerata)
e UNO per essere mia amica.
**ti voglio bene**
[per chi volesse vedere le mie foto] http://www.flickr.com/photos/9125510@N08/
daniela

Giovanna Alborino ha detto...

mi piace come hai descritto le tue sensazioni paragonandole alla tombola della vita...

bella anche la tartarughina..

buon inizio 2008!

Gianluca ha detto...

Io dico spesso "decanta che ti passa" in questo mondo veloce che non sa stare un po' in quiete.
Non siamo noi a dover assalire il tempo, è già bastardo lui a sufficienza..il segreto è entrare in sintonia con lui, modulare il nostro ritmo al suo..e correre il nostro tempo..fino ad arrivare in cima. Io non ci sono ancora riuscito..
Buona corsa.

P.S.
Bella foto davvero

Bra ha detto...

Finché siamo noi a mescolare i numeri nel sacchetto della nostra tombola continuiamo a tenere noi in mano - in qualche modo - le redini della vita. Peggio quando credi di muoverti ed invece è solo il mondo intorno che va.
Per fortuna ogni tanto passano degli aironi...

Pervinka ha detto...

BUON ANNO Barbara,
anno nuovo vita nuova
nuovi colori con tartarughina
la voglia di correre
ti auguro di star bene
e per essere pratici
potrei esserti compagna di corsa ma lenta
circondate da volatili vari ( son tanti e carini, farebbero la gioia di Stellina e Bice)

domani ritorno alla casa con vista
laguna ... tra un pò tutto riprende
...baci Anna

Anonimo ha detto...

Auguroni BA...mi dispiace non averti incontrato, ma ci saranno sicuramente altre occasioni...
continua a scrivere mi raccomando...
ti voglio bene-...

Barbara ha detto...

Caro Gianluca, per prima cosa benvenuto fra le mie pagine. Mentre scrivevo questo post l'unica indecisione era a proposito del verbo "assalire". "assalire il tempo"....forse avrei dovuto dire "placato", vista la sua arroganza. Ti farò presto una visita.

Barbara ha detto...

A proposito di "arroganza" del tempo...mi sono accorta che devo correggere il profilo, visto che non sono più 32, ma 33...